• Redazione Traguardi

Ferrari su Fondazione: La guerra tra bande non serve, il Sindaco coinvolga la città sul piano Folin




"Il sussulto di orgoglio del sindaco è tardivo, ma può far ben sperare. Se l'entrata a gambatesa sulla nomina del CdA era indubbiamente un'ingerenza inopportuna, il fatto che l'amministrazione non sia disposta ad accettare passivamente il piano Folin rassicura chi, come noi, dal primo momento si è fatto in quattro per dire all'amministrazione e alla città che quel progetto è pura e semplice speculazione immobiliare, fatta oltretutto con beni e denaro che indirettamente appartengono ai veronesi. Se l'amministrazione, dopo aver appoggiato ed esaltato in tutti i modi quel progetto scellerato, ammette il proprio errore ed ora ha cambiato idea, tiriamo un sospiro di sollievo, ma non bastano le dichiarazioni, che sanno più di "sfida": servono azioni concrete. Lo stesso Sindaco che oggi dice che "non bisogna giocare da soli" ha tenuto per mesi il progetto chiuso in un cassetto, accessibile solo a lui e all'assessore Segala, senza coinvolgere, come avrebbe dovuto, il Consiglio, le Commissioni e la città. Se Sboarina vuole davvero il gioco di squadra, apra un momento di confronto aperto anche con le opposizioni, per elaborare una vera strategia urbanistica per il futuro del centro storico, smettendola di evitare il confronto con chi studia e lavora da un anno di quei temi.





Ciò che manca all'amministrazione è una vera visione d'insieme, e anche l'uscita di ieri sembra improvvisata, slegata da un quadro complessivo della città: aeroporto, fiera, nuovi quartieri, quali sono la visione e i progetti dell'amministrazione? Quali partnership per il futuro? Sfide non più rimandabili, e sulle quali Sboarina e i suoi hanno fino adesso dimostrato di non saper tenere insieme i pezzi.


Lo sviluppo di una città non può essere deciso in una lotta fra bande. Ripetiamo da mesi che il Comune non deve essere prono di fronte a Cariverona, ma deve lavorare in partnership con l'interesse cittadino come priorità, e così con tutti gli altri partner privati. Le istituzioni sono forti solo quando sono unite e hanno un disegno chiaro in testa di città, di quale Verona voler essere tra 30 e 50 anni. Altrimenti, come stiamo tristemente osservando ora, l'interesse dei singoli prevale quello della città, e Verona, ancora una volta, perderà il treno dello sviluppo.

0 visualizzazioni
Info

Piazza Santi Apostoli 6, 37121 Verona

C.F.: 93275900236

info@traguardi.org

Social
  • Facebook
  • Instagram
  • Black Icon YouTube

© 2019 by Traguardi